Tesi Pengo

Anno scolastico 2015-2016
Tesi di Troso Veronica: RECUPERO E REINTRODUZIONE IN NATURA DI LOXODONTA AFRICANA: DAVID SHELDRICK WILDLIFE TRUST ORPHANS’PROJECT
Facoltà di Medicina Veterinaria
Corso di Laurea in Tutela e Benessere Animale
Tesi di Laurea in Zoologia
Relatore: Dott. Alessio ARBUATTI
Correlatore: Dott. Aldo GIOVANNELLA
12476580_1128611723852290_1615317201_n
12665698_1098949750151821_577603519_n

A mia nonna ed al suo amore per l’Africa
Questo progetto non sarebbe mai stato ultimato senza l’aiuto di alcune preziose persone che mi hanno aiutata e sostenuta.
Un grazie particolare va al Dottor Aldo Giovannella, Presidente del Pengo Life Project, ambasciatore italiano della David Sheldrick Wildlife Trust e mio co-relatore, che ha creduto da subito nella buona riuscita della mia tesi. Grazie alla sua esperienza sul territorio africano, ho potuto arricchire il progetto con tante piccole informazioni, che nel complesso hanno fatto la differenza.
Grazie al mio relatore, il Professor Alessio Arbuatti, che mi ha seguita passo passo e ha subito accettato la mia volontà di intraprendere questo progetto con lui.
Grazie al Dottor Antonio Miele, direttore sanitario della Brooklyn Veterinary Group, nella quale ho effettuato il mio tirocinio, il quale ha gentilmente tradotto in inglese il primo capitolo della mia tesi.
Grazie alla mia famiglia, che non ha mai ignorato la mia passione per gli animali, ma che anzi, la alimenta.
Grazie a tutti i miei amici, che da subito hanno trovato originale e nuova la mia tesi, incoraggiandomi a non abbandonare un’idea un po’ fuori dall’ordinario.
Grazie a me stessa e alla mia voglia di farcela in ogni occasione e sempre al meglio.
Questa tesi è per tutti noi, con l’augurio di trasmettere a chiunque la leggerà la passione e l’interesse che nutro verso ” gli animali che mai dimenticano ”.
Anno scolastico 2014-2015
Tesi di Canaletti Vanessa: GLI ELEFANTI E L’AVORIO
I.I.S. VENDRAMIN CORNER
Indirizzo biotecnologie ambientali
Classe: V D
IMG_3849

Vanessa Canaletti

 L’IMPORTANZA DELL’ELEFANTE IN NATURA:
Gli elefanti sono erbivori e si nutrono principalmente di fogliame degli alberi. Necessitano di grandi quantità di cibo e il loro passaggio ha un effetto devastante sulla vegetazione; di conseguenza tendono a spostarsi in continuazione. Spesso la parola elefante viene quindi associata alla distruzione della vegetazione, e vengono perciò ignorati i numerosi benefici che si possono trarre dalla loro presenza. Con il loro passo pesante trasformano la savana e i boschi in praterie, abbattendo la vegetazione e sradican

Schermata 2015-07-16 alle 08.08.35

Tesi

do gli alberi regalano luce e spazio alle piante che si trovano più in basso, le buche che lasciano con i loro corpi e le loro zampe raccolgono la preziosa acqua piovana, con le enormi quantità di feci non digerite diffondono i semi delle piante in grandi superfici ed inoltre disturbando rettili, insetti e anfibi facilitano la caccia agli uccelli. La distruzione causata dagli elefanti contribuisce quindi alla sopravvivenza di altre specie, e vengono per questo considerati una specie chiave poiché influiscono sulla biodiversità delle zone in cui vivono.

 

 

 

 

Anno scolastico 2013-2014

Tesi di Sara Ubbiali: LA GRANDE AFRICA
Scuola media – Sacra Famiglia CR
Classe: IIIB
10342803_864936973517330_3283823569822530244_n

Sara Ubbiali

INTRODUZIONE
Perché l’Africa? Perché questo continente mi affascina fin da quando ero piccola. Mi ha sempre incuriosito perché è molto ricco di flora e di fauna. Infatti il mio sogno è di diventare veterinaria ed andare a lavorare proprio in Africa! L’Africa non è tutta uguale…. È un continente che dal nord al sud cambia tantissimo. Si parla talvolta di “non Africa” perché non c’è un concetto univoco di Africa. La biodiSchermata 2015-07-14 alle 08.47.29versità in un ambiente così vasto è molto ampia ed interessante. Correlazione, integrazione, corrispondenza… all’interno di un ecosistema tutti gli esseri animali e vegetali che ne fanno parte sono in equilibrio. Nel mio approfondimento, dopo una breve presentazione del continente Africano, esaminerò la flora e la fauna africana, con particolare riferimento all’Acacia (Vacchelia) e all’Elefante africano, due simboli iconografici dell’Africa, in stretta relazione nell’ecosistema. L’elefante sarà protagonista anche grazie alla testimonianza di un veterinario che ha curato elefanti in Africa (Dr. Aldo Giovannella) che si è reso gentilmente disponibile a raccontarmi la sua esperienza.
Grazie Sara.
Un contributo di vera passione e di amore la tesina prodotta dalla sorridente Sara dal titolo La Grande Africa. Un grande lavoro di approfondimento sulle problematiche dell’Africa non Africa. Sara affronta con professionalità e precisione anche uno degli argomenti più scottanti di questo secolo: il bracconaggio e la triste realtà degli elefanti Africani. Ci introduce con capacità e conoscenza nel mondo della fondazione The David Sheldrick Wildlife Trust. Ci descrive con emozione la giornata degli elefantini orfani e dei loro angeli custodi i Keeper. Ma ci presenta anche il vasto mondo delle piante e dei fiori che popolano questo vastissimo continente, infine presenta egregiamente il Progetto Pengo sin dalla sua nascita, cogliendone perfettamente le motivazioni. E poi…scrive una storia fantasiosa un giallo che ci lascia proprio con il fiato sospeso fino all’ultima riga.. Noi del Pengo abbiamo contribuito con gioia alla realizzazione di questo suo Lavoro-Capolavoro e la ringraziamo di cuore. Sei sicuramente una di noi a presto!
SARA UBBIALI ex IIIB, Grazie Sara! Ti auguro di diventare un bravo Medico Veterinario, o forse una brava Giornalista…o forse la prima Italiana che vivrà a contatto con gli elefanti Africani? Grazie per il tuo contributo evviva la tua enrgia e la tua giovane età!

 

PengoSocial